Note in margine a una vita assente di Paolo Milano: tra diario e aforistica dell'esilio

  • Valerio Angeletti Università degli Studi di Trento

Abstract

Il contributo riflette su Note in margine a una vita assente di P. Milano (1904-1988), intellettuale ebreo che visse gran parte della sua vita esiliato negli Stati Uniti. L’opera si presenta come una raccolta autoriale di note, «voci», tutte legate dal tema comune del «dispatrio», il quale comporta la percezione del proprio inaridimento artistico dovuto alla perdita delle radici linguistiche, culturali e identitarie. Come si evince dal titolo, lo zibaldone di Milano è un’opera di commento (di note in margine) alla vita, testo-madre negato (assente) a causa del dispatrio. In altre parole, siamo di fronte a un’opera letteraria che aprioristicamente nega il proprio statuto ontologico e artistico. Sono presenti molti punti di contatto con il campo, ancora poco conosciuto in Italia, dell’Exilaphoristik, i cui autori, ebrei esiliati e scrittori di aforismi come Milano, hanno affrontato l’esilio non come tema ma processo letterario, sfruttando le caratteristiche formali dell’aforisma per resistere all’isolamento, trasformare la loro tragedia in opportunità di crescita comunitaria. Nell’analisi dell’opera ha assunto rilievo anche il ruolo del margine e della marginalità, che riflette la percezione che l’autore ha di sé nel mondo e collega l’espediente tecnico della scrittura in note alla condizione del dispatriato. Tale espediente permette la creazione di un’opera costruita da «voci» solo apparentemente isolate, in realtà legate indissolubilmente tra loro, come coblas di un moderno poema in prosa per aforismi. In conclusione, si è rilevato che il testo di Milano, con il suo negare continuamente la propria esistenza artistica, non fa che affermarne prepotentemente la forza.

This paper introduces to the reader the works of P. Milano (1904 – 1988), an Italian-Jewish writer who moved to New York fleeing from Fascism in 1938. In particular, this article focuses on his masterpiece Note in margine a una vita assente (Notes alongside a non-lived life), because it is linked to the literary genre of the Exilaphoristik, which is a field of study that in recent years is becoming popular in German and American studies. The link to this literary field permits to highlight that Milano transformed the displacement, a negative evolution of the exile that implies the lack of identity, the distance of mother tongue and the fade of memory, in a literary process, which elevates this trauma in an opportunity to grow as a community, instead of to suffer his loneliness. Moreover, this paper underlines the artistic value of Note in margine, which is a selection of notes and aphorisms, but also a work of comment (Notes) about an absent text, the life, due to the displacement (alongside a non-lived life). Each of its «voices», the notes, is linked to the following not only because they were selected to the author, but because they are tied as a contemporary prose poem through aphorisms, which transforms the «voices» in coblas.

Download

Il numero di download non è ancora disponibile.

Riferimenti bibliografici

Canetti, Elias, La provincia dell’uomo. Quaderni di appunti 1942-1972, Milano, Adelphi, 2006.
Cantarutti, Giulia (a cura di), Configurazioni dell’aforisma. Ricerche sulla scrittura aforistica, Bologna, CLUEB, 2000, vol. i.
Cantarutti, Giulia, Essay ed esilio, in La lingua salvata: scritture tedesche dell’esilio e della migrazione, a cura di Giulia Cantarutti e Paola Maria Filippi, Rovereto, Osiride, 2008.
Cantarutti, Giulia, La scrittura aforistica, Bologna, Il mulino, 2001.
Helmich, Werner, L’aforisma come genere letterario, in Andrea Rigoni e Raoul Bruni (a cura di), La brevità felice. Contributi alla teoria e alla storia dell’aforisma, Venezia, Marsilio, 2006, pp. 19-49.
Kaiser, Georg, L’incendio al teatro dell’Opera: commedia notturna in tre atti, Milano, Rizzoli, 1927.
Kraus, Karl, Detti e contraddetti, a cura di Roberto Calasso, Milano, Adelphi, 1987.
Mann, Thomas, La morte a Venezia, Milano, Treves, 1930.
Milano, Paolo, Cuor di meticcio, in «L’Espresso» (24 gennaio 1982).
Milano, Paolo, Henry James o il proscritto volontario, Milano, Mondadori, 1948.
Milano, Paolo, Lettore di professione, Milano, Feltrinelli, 1960.
Milano, Paolo, Note in margine a una vita assente, Milano, Adelphi, 1991.
Milano, Paolo, Racconto newyorchese, Ripatransone, EdizioniSestante, 1993.
Milano, Paolo, Tre poesie, Firenze, Samar, 1971.
Rigoni, Andrea e Raoul Bruni (a cura di), La brevità felice. Contributi alla teoria e alla storia dell’aforisma, Venezia, Marsilio, 2006.
Rigoni, Mario Andrea, Nota introduttiva, in Rigoni et al., La brevità felice. Contributi alla teoria e alla storia dell’aforisma, cit., pp. 9-11.
Ruozzi, Gino, Forme brevi, pensieri, massime e aforismi nel Novecento italiano, Pisa, Libreria Goliardica, 1992.
Ruozzi, Gino, Scrittori italiani di aforismi, 2voll., Milano, Mondadori, 1996.
Schumacher, Hans, Diario e Aforisma in Ernst Jünger, in Giulia Cantarutti (a cura di), Configurazioni dell’aforisma. Ricerche sulla scrittura aforistica, Bologna, CLUEB, 2000, vol. i, vol. i, pp. 229-237.
Weissenberger, Klaus, «Exilaphorstik». La ricerca di un senso dinanzi all’assurdo, in Cantarutti, Configurazioni dell’aforisma. Ricerche sulla scrittura aforistica, cit., vol. i, pp. 239-267.
Pubblicato
2019-06-30
How to Cite
ANGELETTI, Valerio. Note in margine a una vita assente di Paolo Milano: tra diario e aforistica dell'esilio. Ticontre. Teoria Testo Traduzione, [S.l.], n. 11, p. 327-342, giu. 2019. ISSN 2284-4473. Disponibile all'indirizzo: <http://www.ticontre.org/ojs/index.php/t3/article/view/283>. Data di accesso: 19 lug. 2019 doi: https://doi.org/10.15168/t3.v0i11.283.
Fascicolo
Sezione
Saggi