Gates Wide Shut. Un’ipotesi comparatistica per lo studio delle gated communities

  • Andrea Chiurato Università IULM di Milano

Abstract

Il contributo indaga in una prospettiva comparatistica l’emergenza e l’evoluzione dell’immagine della “comunità fortificata” (gated community), con una particolare attenzione alla sua declinazione all’interno del genere romanzesco (I. Levin; J. G. Ballard; C. Piñeiro). Nato e sviluppatosi all’interno dell’immaginario anglosassone, tale paradigma postmetropolitano sembra infatti aver attecchito con successo in altri contesti storico-geografici, adattandosi plasticamente all’evoluzione del “discorso” della globalizzazione: dall’affermarsi delle retoriche del libero mercato tra gli anni Ottanta e Novanta; al risorgere delle ragioni della sicurezza e del territorio in coincidenza con l’inizio del nuovo millennio; per arrivare, infine, ai tempi più recenti della crisi economica. Lo scopo dell’analisi sarà quello di dimostrare in che misura questo “motivo” sia stato utilizzato per drammatizzare e tematizzare alcuni aspetti della correlazione tra le due dimensioni della world literature (il locale e il globale) tra cui: il controllo e la gestione del movimento di merci e persone attraverso la pianificazione urbana; la ridefinizione delle tradizionali opposizioni topologiche ereditate dalla modernità (dentro/fuori, centro/periferia); la creazione di zone ibride, di nuovi paradigmi di appartenenza ed esclusione e di nuove “comunità immaginate”.

The aim of the paper is to analyse, in a comparative perspective, the emergence and the evolution of the gated community’s image within the novels of the last four decades (I. Levin; J. G. Ballard; C. Piñeiro). Born and grown within the Anglo-Saxon imagery, the gated community paradigm seems to have spread in different historical and geographical contexts, adapting itself to the different phases of the globalization “discourse”: from the rise of neoliberal rhetoric between the Eighties and the Nineties, through the reemergence of the problems connected to security control and territorial defense at the beginning of the New Millennium, to the economical crisis of the current days. The aim of the present analysis is to highlight, through the evolution of this particular “motive”, not only the relationships between the “global” and the “local” within the field of world literature, but also the different problems connected to this everchanging dialectic: the use of urban design as a mean of control of the movement of people and goods; the consequent redefinition of the traditional antinomies of the modern city (outside/inside; center/periphery); the creation of hybrid zones, of new paradigms of belonging and exclusion, of new “imagined communities”.

Download

Il numero di download non è ancora disponibile.

Author Biography

Andrea Chiurato, Università IULM di Milano

Andrea Chiurato riveste la posizione di ricercatore a tempo determinato presso l’Istituto di Arti Culture e Letterature Comparate dell’Università IULM di Milano. La sua attività scientifica e didattica si focalizza su varie aree: la storia e teoria del romanzo, con un particolare interesse nei confronti della narrativa sperimentale; la tematologia e l’imagologia; gli studi dedicati all’evoluzione dell’immagine della città tra il XIX e il XXI secolo.

Riferimenti bibliografici

Agamben, Giorgio, Che cos’è un dispositivo?, Roma, Nottetempo, 2006.
Augé, Marc, Rovine e macerie. Il senso del tempo, Torino, Bollati Boringhieri, 2004.
Bachtin, Michail, Le forme del tempo e del cronotopo del romanzo. Saggi di poetica storica, in Estetica e romanzo, Torino, Einaudi, 1997, pp. 231-405.
Ballard, James Graham, Cocaine Nights, trad. da Antonio Caronia, Milano, Feltrinelli, 2008.
Bauman, Zygmunt, City of Fears, City of Hopes, London, Goldsmiths College, 2003.
Bauman, Zygmunt, Homo consumens. Lo sciame inquieto dei consumatori e la miseria degli esclusi, Trento, Erickson, 2007.
Bauman, Zygmunt, Il disagio della postmodernità, Milano, Mondadori, 2002.
Bauman, Zygmunt, Modernità liquida, Roma, Laterza, 2002
Blakeley, Edward and Mary Gail Snyder (eds.), Fortress America. Gated Communities in the United States, Washington D. C., Brooking Institute, 1997.
Castells, Manuel, La città delle reti, Venezia, Marsilio, 2004.
Cosgrove, Denis E., Realtà sociali e paesaggio simbolico, Milano, Unicopli, 1990.
Damrosch, David, What is World Literature?, Princeton, Princeton University Press, 2003.
Foucault, Michel, Spazi altri. I luoghi delle eterotopie, a cura di Salvio Vaccaro, Milano, Mimesis, 2001.
Guillén, Claudio, L’uno e il molteplice. Introduzione alla letteratura comparata, Bologna, il Mulino, 1992.
Ilardi, Emiliano, Il senso della posizione. Romanzo, media e metropoli da Balzac a Ballard, Roma, Meltemi, 2005.
Ilardi, Massimo, Il tramonto dei non luoghi. Fronti e frontiere dello spazio metropolitano, Roma, Meltemi, 2007.
Jameson, Fredric, Il postmoderno, o la logica culturale del tardo capitalismo, Milano, Garzanti, 1989.
Levin, Ira, La fabbrica delle mogli, trad. da Mariapaola Ricci Dettore, Milano, Garzanti, 1973.
Low, Setha, Towards a Theory of Urban Fragmentation. A Cross-Cultural Analysis of Fear, Privatization, and the State, in «Cybergeo. European Journal of Geography», 349 (02/10/2006), http://cybergeo.revues.org/3207.
Oldenburg, Ray, The Great Good Place. Cafes, Coffee Shops, Bookstores, Bars, Hair Salons and Other Hangouts at the Heart of a Community, New York, Marlowe, 1997.
Pageaux, Daniel-Henri, De la géocritique à la géosymbolique. Littérature générale et comparée et géographie, in Littératures et cultures en dialogue, essais réunis, annotés et préfacés par Sobhi Habchi, Paris, L’Harmattan, 2007.
Pageaux, Daniel-Henri, Le scritture di Hermes. Introduzione alla letteratura comparata, Palermo, Sellerio, 2010.
Piñeiro, Claudia, Le vedove del giovedì, trad. da Michela Finassi Parolo, Milano, Il Saggiatore, 2008.
Saussy, Haun, Exquisite Cadavers Stitched from Fresh Nightmares. Of Memes, Hives and Selfish Genes, in Comparative Literature in an Age of Globalization, Baltimore, Johns Hopkins University Press, 2006.
Smethurst, Paul, The Postmodern Chronotype. Reading Space and Time in Contemporary Fiction, Amsterdam Atlanta, Rodopi, 2000.
Soja, Edward, Dopo la metropoli. Per una critica della geografia urbana e regionale, a cura di Emanuele Frixa, Bologna, Patron, 2007.
Sorrentino, Flavio (a cura di), Il senso dello spazio. Lo spatial turn nei metodi e nelle teorie letterarie, Roma, Armando, 2010.
Weber, Lynn, Forward, in Race, Gender and Class. Theory and Methods of Analysis, ed. by Bart Landry, Upper Saddle River (NJ), Pearson Education, 2007, pp. XI-XIV.
Pubblicato
2014-10-31
How to Cite
CHIURATO, Andrea. Gates Wide Shut. Un’ipotesi comparatistica per lo studio delle gated communities. Ticontre. Teoria Testo Traduzione, [S.l.], n. 2, p. 83-102, ott. 2014. ISSN 2284-4473. Disponibile all'indirizzo: <http://www.ticontre.org/ojs/index.php/t3/article/view/29>. Data di accesso: 17 nov. 2018 doi: https://doi.org/10.15168/t3.v0i2.29.
Fascicolo
Sezione
Sezione monografica - Letteratura mondo e dintorni