Velimir Chlebnikov

Due brevi prose del periodo tardo: "Otjabr' na neve" e "Nikto ne budet otricat'…" (1918)

  • Luca Cortesi Università Ca Foscari di Venezia

Abstract

Negli ultimi decenni Velimir Chlebnikov (1885 – 1922), uno tra più noti poeti del Novecento russo che generalmente viene considerato un esponente dell'avanguardia futurista, è stato oggetto di una grandissima attenzione, non solo riservata al ruolo di primus inter pares che l'autore occupò all'interno della corrente cubofuturista, ma soprattutto alla sua produzione poetica e alle sue teorie logopoietiche (slovotvorčestvo, korneslovie, zaum’…).


Con il presente contributo, in cui proponiamo la traduzione inedita in italiano delle brevi opere in prosa narrativa Oktjabr’ na Neve (1918) e Nikto ne budet otricat’… (1918), intendiamo soffermarci su una parte della produzione letteraria chlebnikoviana che ad oggi non ha ricevuto la dovuta attenzione né in Italia, né a livello internazionale. Ad esclusione di sporadici casi, uno dei quali compare sul celeberrimo Poesie di Chlebnikov di A. Ripellino, la prosa di Chlebnikov non è stata sostanzialmente mai tradotta in italiano.


Le prove di traduzione saranno corredate da una nota del traduttore in cui esporremo una riflessione a partire da alcune osservazioni di Ju. Tynjanov, T. Gric e R. Duganov; inoltre, verranno messe in evidenza le particolarità stilistiche e formali della prosa di Velimir Chlebnikov, nonché le problematiche che comportano nella traduzione.

Download

Il numero di download non è ancora disponibile.
Pubblicato
2020-07-31
How to Cite
CORTESI, Luca. Velimir Chlebnikov. Ticontre. Teoria Testo Traduzione, [S.l.], n. 13, lug. 2020. ISSN 2284-4473. Disponibile all'indirizzo: <http://www.ticontre.org/ojs/index.php/t3/article/view/395>. Data di accesso: 23 set. 2020 doi: https://doi.org/10.15168/t3.v0i13.395.
Fascicolo
Sezione
Teoria e pratica della traduzione