Usi e funzioni della cadenza ternaria nell'opera di Pavese

  • Tiziano Antonio Segalina Privato

Abstract

L’articolo si propone di studiare gli usi e le funzioni di una particolarità stilistica dell’opera di Pavese, ovvero il ricorso, in sede di romanzo, alla cadenza anapestica. Presente fin dalle produzioni giovanili, sia in prosa che in poesia, essa diviene nell’opera matura – almeno a partire dai saggi teorici contenuti in Feria d’agosto – uno strumento cui l’autore consapevolmente ricorre per strutturare la narrazione e porre in evidenza precisi luoghi testuali – sequenze ritmiche sono infatti individuabili in corrispondenza degli snodi narrativi (in attacco e/o in chiusa di periodo, nel passaggio da una sequenza alla successiva), delle parti di dialogo, delle sentenze, delle enumerazioni – individuati, dalla critica e da Pavese stesso, come centrali all’interno della sua poetica. Gli esempi saranno prelevati da tutta l’opera di Pavese, ma maggiore attenzione sarà dedicata ai romanzi Tra donne sole e La luna e i falò.

Download

Il numero di download non è ancora disponibile.

Riferimenti bibliografici

Antonello, Massimo, La metrica del primo Montale: 1915-1927, Lucca, Pacini Fazzi, 1991.
Bàrberi Squarotti, Giorgio, Il ragazzo e l’avventura: «Feria d’agosto», in «Esperienze letterarie», XXV, 3-4, luglio-dicembre (2000), pp. 7-21.
Beccaria, Gian Luigi, Ritmo e melodia nella prosa italiana: studi e ricerche sulla prosa d’arte, Firenze, Olschki, 1964.
Id., La luna e i falò: tra prosa e poesia, in «Cuadernos de Filologia Italiana», 2011, Volumen Extraordinario, pp. 61-71.
Bertinetto, Pier Marco, Strutture soprasegmentali e sistema metrico. Ipotesi, verifiche, risposte, in «Metrica», I (1978), pp. 1-54.
Dal Bianco, Stefano, Tradire per amore. La metrica del primo Zanzotto (1938-1957), Lucca, Pacini Fazzi, 1997.
Id., L’endecasillabo del Furioso, Pisa, Pacini, 2007.
Di Girolamo, Costanzo, Il verso di Pavese, in Id., Teoria e prassi della versificazione, Bologna, Il Mulino, 1983, pp. 183-196.
Fortini, Franco, Verso libero e metrica nuova, in Id., Saggi ed epigrammi, Milano, Mondadori, 2003, pp. 799-808.
Frasnedi, Fabrizio, La voce e il senso, in «Il Verri», maggio-giugno 1993, pp. 45-72.
Id., Pensare ad altro. Saggio su Silvio D’Arzo, in D’Arzo, Silvio, Opere, Parma, Monte Università Parma, 2003, pp. XXV-LXXIV.
Galavotti, Jacopo, «L’arte è una cosa ingenua»? Appunti su Un po’ di febbre, in «Ma che bellezza c’è nella poesia?». Saggi su Sandro Penna, a cura di Gandolfo Cascio e Roberto Deidier, Amsterdam, Istituto Italiano di Cultura, 2018.
Grassi, Corrado, Osservazioni su lingua e dialetto nell’opera di Pavese, in «Sigma», I, 3-4 (1964), pp. 49-71.
Jesi, Furio, Cesare Pavese e la scienza del mito, in «Sigma», op. cit., pp. 95-120.
Lavezzi, Gianfranca e Giovannetti, Paolo, La metrica italiana contemporanea, Roma, Carocci, 2010.
Marai, Nicola e Ferrari, Daniele, Tra “mythos” e “logos”: l’origine in Cesare Pavese, in «Quaderni del ’900», 2 (2003), pp. 61-77.
Mengaldo, Pier Vincenzo, Questioni metriche novecentesche, in Id., La tradizione del Novecento. Terza serie, Torino, Einaudi, 1991.
Menichetti, Aldo, Metrica italiana, Padova, Antenore, 1993.
Monti, Simone, Le ‘spie dell’affanno’: l’endecasillabo dattilico tra Foglio di via e Poesia ed errore di Franco Fortini, in «Italianistica», XLVII, 1 (2018), pp. 213-224.
Mortara Garavelli, Bice, Manuale di retorica, Milano, Bompiani, 1997.
Mutterle, Anco Marzio, L’immagine arguta. Lingua, stile, retorica in Pavese, Torino, Einaudi, 1977.
Nespor, Marina, Fonologia ritmica: la griglia metrica, in Id., Fonologia, Bologna, Il Mulino, 1993.
Pavese, Cesare, Saggi letterari, Torino, Einaudi, 1951.
Id., Lettere 1926-1950, Torino, Einaudi, 1968.
Id., Il mestiere di vivere, Torino, Einaudi, 1990.
Id., Dialoghi con Leucò, Torino, Einaudi, 1999.
Id., Tutti i romanzi, Torino, Einaudi, 2000.
Id., Tutti i racconti, Torino, Einaudi, 2002.
Id., Le poesie, Torino, Einaudi, 2014.
Praloran, Marco e Soldani, Arnaldo, Teoria e modelli di scansione, in La metrica dei «Fragmenta», a cura di Marco Praloran, Roma-Padova, Antenore, 2003.
Reitano, Stefano, Il cursus nella ‘prosa magica’ di Dino Buzzati: una rilettura ritmica del Deserto dei Tartari, in «Studi buzzatiani», XVIII (2013), pp. 63-88.
Segalina, Tiziano, «Un sangue ritmico che scorre dappertutto». La cadenza anapestica in Pavese dalle origini a La luna e i falò​, tesi di laurea discussa il 22 ottobre 2019, relatore Luca Zuliani, Università di Padova, Padova
Soletti, Elisabetta, Nota linguistica. Appunti sulla sintassi di Pavese, in Pavese2000, pp. 1147-1176.
Testa, Enrico, Lo stile semplice. Discorso e romanzo, Torino, Einaudi, 1997.
Untersteiner, Mario, Dialoghi con Leucò, in «Educazione politica», I, 11-12 (1947), pp. 344-346.
Zoppi, Matteo, Una «certa tiritera di parole»: genesi, forma e funzione dell’anapesto in “Lavorare stanca”, in «Levia Gravia», XI (2009), pp. 135-155.
Id., «Raccontare è monotono»: il ritmo della prosa in «Feria d’agosto» di Cesare Pavese, in «Acme – Annali della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Milano», LXV, 3 (2012), pp. 201-220.
Pubblicato
2020-07-31
How to Cite
SEGALINA, Tiziano Antonio. Usi e funzioni della cadenza ternaria nell'opera di Pavese. Ticontre. Teoria Testo Traduzione, [S.l.], n. 13, lug. 2020. ISSN 2284-4473. Disponibile all'indirizzo: <http://www.ticontre.org/ojs/index.php/t3/article/view/410>. Data di accesso: 13 ago. 2020 doi: https://doi.org/10.15168/t3.v0i13.410.
Fascicolo
Sezione
Sezione monografica: Cesare Pavese, il racconto tra razionale e irrazionale